PET SERVICE

5 motivi per i quali non regalare un cane a Natale

Arriva Natale, tempo di doni e le buone occasioni per fare un bel regalo, utile o divertente certo non mancano.
Sotto l’albero faranno bella figura dei libri, dei dischi in vinile tornati di gran moda, magari un buono per una serata romantica per la vostra fidanzata, una bottiglia di vino, un kilt, uno slittino, una coperta confezionata a mano, un servizio di bicchieri oppure una teiera, un profumo o un pacco di incensi o samovar, insomma tutto tranne un cane.
Perche’ non regalare un cane?

1. Il più scontato di tutti: il cane è una responsabilità, un impegno troppo grande e nessuno può prendere una decisione così importante per conto di qualcun altro senza esserne consapevole.
Avrà problemi legati all’età (cucciolo, adolescente, anziano) che prevedono una buona dose di pazienza e conoscenza.

 

2. Il cane ha bisogno di cure costanti, ha bisogno di vivere una vita felice e chi lo riceve non deve essere solo in grado di soddisfarne i bisogni primari
(cibo, spazio, cure, ecc…) ma deve garantirgli una vita appagante, rispettando le caratteristiche di razza.
Ognuno di noi ha proprie abitudini e proprie attitudini così come i cani; bisognerebbe scegliere un cane anche in base a queste caratteristiche, non può essere qualcun altro a scegliere per noi: se ad un sedentario regali un border collie, sia lui che il cane trascorreranno una vita fatta di frustrazione e sconforto.

3. Il cane è un impegno economico importante.
Ha bisogno di cibo adeguato (non vive solo di avanzi) e di cure veterinarie ordinarie e straordinarie anche molto costose.
Anche le famiglie senza apparenti difficoltà economiche dovranno fare rinunce per il mantenimento di un cane.


4. Il cane non è indipendente e autosufficiente.
Chi lo avrà in regalo dovrà dire addio ai weekend fuori porta last minute.
Non possiamo lasciare il cane da solo 2 o 3 giorni, figuriamoci una settimana.
Per andare in vacanza si dovrà progettare il viaggio in maniera minuziosa e per farlo si hanno due opzioni:
cercare una struttura che ospita gli animali, con spiagge attrezzate e attività dedicate o prenotare una pensione con largo anticipo.


5. Per il cane non esiste reso:
non è una felpa che puoi riportare in negozio senza conseguenze.
Se non piace più non può essere riposto nell’ armadio con la naftalina in attesa che torni di moda.
Un cane è un soggetto senziente, ha sentimenti ed emozioni.
Il rischio di abbandono o rinuncia presso un canile è altissimo quando non è voluto.
Fare una bella figura regalando un cane non può mai valere una condanna ad una vita in gabbia o peggio la morte legati ad un guardrail.

di Luca Nigro di Disagio Cinofilo – Educatore Cinofilo SIUA 

Tags: , , , ,

Leave a Reply