Un’aquila in difesa del Mediterraneo

Sea Eagle in aggiunta alla flotta di Sea Shepherd

Una nuova grande imbarcazione si aggiunge da poco alla ciurma di Sea Shepherd, la Sea Eagle, un ex pilotina francese.

Acquisita tramite la donazione ricevuta da Allianz SE, Allianz Technology e Allianz Italia, quale parte della collaborazione durata due anni tra Sea Shepherd e Allianz per affrontare il problema dei detriti di plastica che inquinano gli oceani, è pronta per salpare le acque del Mediterraneo.

Grande ben quaranta metri, in grado di ospitare fino a diciannove membri dell’equipaggio e a trasportare fino a due piccole imbarcazioni, Sea Eagle è stata negli ultimi sei mesi collaudata, registrata ed equipaggiata con grande entusiasmo.

Sea Shepherd è molto emozionata per questa collaborazione che ci aiuterà a diffondere il messaggio che i dispositivi per la pesca sono la maggior causa dell’inquinamento marino” ha dichiarato il CEO di Sea Shepherd Global, Capitano Alex Cornelissen. “Questa nuova imbarcazione sarà utilizzata quasi esclusivamente per le nostre attività nel Mar Mediterraneo, sia come enorme miglioramento per le già esistenti campagne come Operazione Siso, sia come imbarcazione perfetta per iniziare nuove fantastiche campagne.”

Essendo stata costruita per navigare nell’Oceano Atlantico, questa nave è in grado di affrontare i mari più agitati. Nonostante quindi le difficoltà provocate dalla pandemia globale, l’equipaggio di Sea Shepherd ha lavorato duramente per garantire un efficace transito della Sea Eagle da Thyborøn, in Danimarca, a Siracusa, dove è attualmente in “postazione” per le prossime campagne nel Mediterraneo.

Sea Shepherd dispone attualmente di undici navi nella sua flotta globale, conosciuta come “Flotta di Nettuno” e utilizzata in campagne di azione diretta per difendere, conservare e proteggere la fauna e gli habitat marini in tutto il mondo.


Sea Shepherd Italia

Sea Shepherd è molto emozionata per questa collaborazione che ci aiuterà a diffondere il messaggio che i dispositivi per la pesca sono la maggior causa dell’inquinamento marino” ha dichiarato il CEO di Sea Shepherd Global, Capitano Alex Cornelissen. “Questa nuova imbarcazione sarà utilizzata quasi esclusivamente per le nostre attività nel Mar Mediterraneo, sia come enorme miglioramento per le già esistenti campagne come Operazione Siso, sia come imbarcazione perfetta per iniziare nuove fantastiche campagne.”

Essendo stata costruita per navigare nell’Oceano Atlantico, questa nave è in grado di affrontare i mari più agitati. Nonostante quindi le difficoltà provocate dalla pandemia globale, l’equipaggio di Sea Shepherd ha lavorato duramente per garantire un efficace transito della Sea Eagle da Thyborøn, in Danimarca, a Siracusa, dove è attualmente in “postazione” per le prossime campagne nel Mediterraneo.

Sea Shepherd dispone attualmente di undici navi nella sua flotta globale, conosciuta come “Flotta di Nettuno” e utilizzata in campagne di azione diretta per difendere, conservare e proteggere la fauna e gli habitat marini in tutto il mondo.

For the Oceans.

Roberta Bussolati

Sea Shepherd Italia

Sassy Social Share

For the Oceans.

Roberta Bussolati

Radio Bau Consiglia

Gioca a “DENTI SANI, CANI PIU’ FELICI”, il nuovo contest di RadioBau e Pedigree Dentastix

In questi giorni tante novità! Il nuovo sito di RadioBau e un importante progetto in collaborazione con Pedigree: la prima ...

Trip for Dog: la guida turistica a 4 zampe (e molto più)

Trip for Dog è la prima ed unica Agenzia Viaggi Dog Friendly (OLTA). Mai più in vacanza senza i nostri animali domestici!…