Manifestazioni

29 Novembre – Worldwide Fur Free Friday; Evento Internazionale contro le Pellicce

Worldwide Fur Free Friday 2013 venerdi 29 novembre ore 16.00 piazza S. Carlo, Milano Evento con protesta scenografica contro le pellicce.
Se vi danno fastidio le fotografie degli animali scuoiati, mi spiace davvero…Ma forse e’ giusto, che tu con il tuo gilet di pelo di un altro essere vivente sappia con cosa vai in giro addosso. Se pensi che voglia redimerti ti stai sbagliando, non sono un predicatore, VOGLIO CHE TU SAPPIA E VEDA!!!! Siamo nel 2013, far procreare ed allevare animali, che hanno un tenore di vita (chiamandola vita) al di sotto di Cotton Fioc, esclusivamente per il tuo CAPO DI ABBIGLIAMENTO e’ scandaloso, osceno, irriguardorso, sconvolgente, SCHIFOSO!!!!! Se accetti di coprirti di pellicce, devi accettare anche di guardare queste fotografie, per coerenza! Detto cio’ e’ con piacere che ti invito il 29 novembre a liberarti dei tuoi capi di abbigliamento sbagliati ed aprire gli occhi a nuove frontiere, meno cavernicole, piu’ moderne, ecologiche, etiche dove tutti rimangono vivi! (Davide Cavalieri)

269Life Italia aderisce al più importante evento mondiale contro le pellicce che anche quest’anno si celebrerà nello stesso giorno in più di 200 località nel mondo. FrWFFF (Worldwide Fur Free Friday: venerdi senza pellicce nel mondo) è sicuramente una dei più grandi eventi di azione globale nella storia delle organizzazioni per i diritti degli animali.
E’ stato scelto il venerdì 29 novembre perché è il giorno che in tutto il mondo dà il via alle grandi vendite natalizie e sarà trasformato in un momento di informazione e sensibilizzazione per rivelare a chi ancora ingnora, o finge di ignorare, il vero volto del commercio di pellicce che uccide crudelmente più di 70 milioni di animali ogni anno.
Queste vittime vivono nel tormento negli allevamenti, impazziscono in gabbie luride in filo di ferro sottile che taglia e ferisce le loro zampe; gli animali vivono esposti a climi estremi, al gelo per infoltire il pelo, e sono condannati a vivere in angoscia fino a che non muoiono di stenti o vengono brutalmente uccisi con metodi pensati specificamente per non rovinare il pelo: camere a gas, scosse elettriche, dislocazione delle vertebre cervicali. e, a volte addirittura scuoiati vivi.
La protesta globale e la crescente consapevolezza di questo martirio hanno portato anche delle vittorie, ma i movimenti animalisti internazionali intendono continuare la pressione sulle istituzioni e sui consumatori fino a che il commercio di pellicce sarà finalmente bandito.

Silvia Premoli
ufficio stampa 269Life Italia e Movimento Animali LIberi
scripta.press@gmail.com
cell 328 0440 63

Tags: , , , , , ,

Leave a Reply