Gossip

Cesar Millan in Italia??? Anche NO!!!!

Le principali associazioni animaliste italiane invitano canili e rifugi a non partecipare al nuovo show dello pseudo addestratore di cani statunitense
OIPA, Enpa, Lav, Lega nazionale per la difesa del cane e Leidaa, a nome della Federazione Italiana Associazioni Diritti Animali e Ambiente invitano i canili e i rifugi italiani a non collaborare con il nuovo show televisivo di Cesar Millan.

Lo pseudo addestratore di cani protagonista del programma Dog Whisperer, trasmesso in Italia dal canale satellitare di Sky National Geographic e dal canale del digitale terrestre Cielo, registrerà infatti nei mesi estivi alcune puntate del programma in canili italiani, inglesi e olandesi.
Il canale National Geographic sta infatti promuovendo un reclutamento di cani ospitati nei canili di questi tre Paesi e lo staff dell’addestratore sta contattando associazioni e gruppi animalisti per avere supporto. L’obiettivo pubblicizzato è dare una seconda possibilità a cani difficili che, grazie alla tecniche rieducative di Millan, potranno così essere adottati.

Tuttavia molte associazioni italiane di cinofilia e veterinaria, come ANMVI, SISCA, SCIVAC, ASETRA, e le principali associazioni per la protezione degli animali hanno già fortemente condannato i metodi di Millan, che prevedono uso sistematico della forza, coercizione, maltrattamento fisico e psicologico del cane. Oltre a non educare ed informare i proprietari al rispetto del benessere dell’animale, avallando quindi accessori come i collari a strozzo con punte interne, lui stesso impiega come ausilio nell’addestramento il collare elettrico, il cui uso in Italia è vietato dalla legge perchè considerato maltrattamento.

“Millan si rapporta infatti al cane come se fosse una macchina da domare con la quale il proprietario non ha nessun ruolo relazionale. Negare l’esistenza della cognizione animale ed utilizzare un metodo basato sulla punizione positiva (forza fisica) nega tutto ciò che negli ultimi anni è stato scoperto grazie a studi scientifici, veterinari ed etologici sul cane e sul lupo – sottolinea la Federazione – Tali metodi sono quindi assolutamente privi di ogni base scientifica e molto pericolosi per il benessere dei cani, ma anche per la sicurezza delle persone. Il grave stato di prostrazione psicologica e fisica in cui versa la maggior parte dei cani protagonisti loro malgrado degli episodi di Dog Whisperer è dannoso per cani di proprietà, ma sarebbe devastante per cani di canile, spesso reduci da situazioni di maltrattamento o interessati da problemi comportamentali”.
Ecco perché i canili e i rifugi gestiti direttamente o indirettamente dalle associazioni della Federazione non offriranno i proprio cani come cavie per le fantasiose tecniche rieducative di Millan, e invitano tutte le strutture italiane a fare altrettanto.
Gli animali subiscono soprusi e ingiustizie di ogni tipo e le associazioni animaliste sono attive quotidianamente per cercare di combatterle. Questo significa anche fare informazione e quindi è doveroso condannare una trasmissione televisiva che non è improntata all’educazione, ma semplicemente a creare un fenomeno mediatico e a diffondere una falsa cultura cinofila, causando danni sia ai cani che alle persone.

Per ulteriori informazioni:
Alessandra Ferrari
Ufficio stampa OIPA Italia
Tel. 320 4056710
ufficiostampa@oipa.org

OIPA Italia Onlus
Organizzazione Internazionale Protezione Animali
ONG affiliata al Dipartimento della Pubblica Informazione dell’ONU
Associazione riconosciuta dal Ministero dell’Ambiente
(DM del 1/8/2007 pubblicato sulla G.U. n. 196 del 24/8/2007)
via Passerini 18 – 20162 Milano – Tel. 02 6427882 Fax 02 99980650
info@oipa.org – www.oipa.org

Tags: , , ,

17 Comments

  1. Ignoranza? Malafede? Paura di chi sa quello che fa e lo fa bene, aiutando così cani e persone a vivere meglio, laddove l’incapacità e la mancanza di impegno si limiterebbe a distribuire carezze e spuntini senza capire, senza aiutare, senza cambiare una virgola se c’è un problema… Più facile farlo passare per “cattivo” questo piccolo messicano nato con il dono di capire e farsi capire dai cani. Già toccato dal fato ha voluto e saputo studiare e imparare ancora e, nonostante la sua natura fosse quella di un solitario, ha saputo trasformarsi al solo scopo di aiutare la gente, aiutando i loro cani. La violenza non fa parte del suo bagaglio ma l’amore, quello vero, quello consapevole e non egoista, quello dei fatti e non delle belle parole, quello dei momenti difficili e non solo delle moine, non sempre è compreso… Energia è la parola, non maltrattamento, non durezza, energia dettata dall’amore.
    C’è troppa invidia in giro? Chiedete ai cani, ai loro occhi e alle loro code dove sta la verità. Loro ve la diranno sempre e comunque. Ma bisogna saperla leggere!!!
    Grazie Cesar, sono con te…

  2. Cara Valeria, proprio perchè i cani bisogna saperli leggere, dovresti tenere presente alcune cose fondamentali. Gli studi che hanno portato a formulare le teorie della dominanza e del capobranco abusate da Millan sono di fatto superate da una serie di studi scientifici a partire da fine anni ’90 (vedi studi sui lupi in libertà di David Mech e saggio sulla dominanza di Barry Eaton). Il termine dominanza non è un aspetto del carattere ma il risultato di un’interazione agonistica. Le convinzioni classiche sulla socialità di lupi e cani derivano dagli studi sui branchi di lupi in cattività, in cui soggetti adulti provenienti da zone diverse sono riuniti assieme per potersi riprodurre liberamente. In queste condizioni la competizione è elevata e determina una struttura gerarchica di tipo lineare, ma il comportamento è esclusivamente dovuto ad una situazione estremamente innaturale. In contesti naturali però i branchi di lupi rappresentano delle unità familiari in cui la dominanza ha molto meno significato. Le recenti scoperte scientifiche disegnano un quadro in cui la coesione sociale prevale sull’antagonismo intraspecifico.
    La domesticazione ha portato comunque il cane a differenziarsi dal lupo non solo a livello morfologico, ma anche comportamentale e sociale. Per comprendere il cane domestico, dovremmo quindi studiare il cane domestico, non il lupo.Il mito del branco ha avuto ampi risvolti applicativi nell’educazione e nell’addestramento del cane contribuendo alla diffusione di una serie di dogmi privi di qualsiasi fondamento scientifico. Ecco quindi che la dominanza viene chiamata in causa per spiegare qualsiasi tipo di problema, dalla disobbedienza ai problemi comportamentali di qualsiasi genere.
    Il rapporto tra uomo e cane ha però poco se non nulla a che fare con la dominanza. La maggior parte dei problemi lamentati dai proprietari non coinvolge l’accesso prioritario alle risorse e non riguarda l’esito di scontri agonistici. Il cane non ha bisogno di un capobranco che gli dimostri continuamente la sua forza, ha bisogno di una guida che gli insegni con comprensione e rispetto a vivere serenamente nel contesto familiare e sociale.
    Quindi, oltre a basarsi su concetti errati e smentiti da anni dai maggiori esperti di cinofilia, Millan si approccia ai cani utilizzando una serie di strumenti (collare a strozzo con punte rivolte verso il collo del cane, collare elettrico https://www.facebook.com/photo.php?v=2097702415509; http://www.oipa.org/italia/2012/randagismo/cesarmillan.html) e metodi coercitivi (l’imposizione con la forza, i famosi calcetti…) che non fanno altro che generare stress, inibendo quindi l’apprendimento. L’aumento dello stress interrompe l’omoestasi e porta all’innalzamento dell’arousal: la conseguenza diretta è che le capacità di apprendimento di un individuo si interrompono e questi o si “freezza”(= si immobilizza) o ripete un comportamento in maniera meccanica fintanto che ciò che gli causa stress permane. Questa non è un’opinione arbitraria, è fisiologia ad etologia.(fonte: Simone Dalla Valle, dog trainer CSEN e membro del comitato tecnico nazionale per il progetto “Buon cittadino a 4 zampe”.)
    Tutto ciò avviene ignorando completamente i segnali del cane. Chi conosce almeno un minimo la comunicazione del cane si accorge, guardando Dog Whisperer, che i segnali calmanti così come la sfera cognitiva del cane non sono presi in considerazione. I cani usano questi segnali per manifestare un disagio, interrompere una situazione sgradevole o auto calmarsi, ma Millan prosegue incurante con il solo scopo di interrompere il comportamento “sbagliato” del cane, senza interrogarsi sulla reale motivazione che sta dietro a questo comportamento.
    Un esempio?
    http://www.youtube.com/watch?v=ZY-_vpo-Ayc&feature=related

    La invito a guardare bene questo video, fa parte della registrazione di una puntata della sesta stagione di Dog Whisperer. Come può notare il cane non ha nessunissima intenzione di attaccare: vi è indotto attraverso lo strattonamento (con doppio collare a strozzo) e minacce posturali. Il cane, soffocato con lo strozzo, resta a terra in ipossia. Questo può essere considerato un buon risultato? Poi, una volta rialzatosi, Millan gli mette una museruola: una di quelle di nylon, che nessun educatore competente utilizzerebbe mai perchè pericolosa (oltre a permettere comunque al cane di pizzicare, gli impedisce di aprire la bocca per disperdere il calore): il cane muove la coda, spaventato, le orecchie indietro e il bianco degli occhi ben visibile. I segnali sono chiarissimi se si è in grado di vederli.

    Il problema è proprio questo: Cesar Millan non ha alcun tipo di preparazione seria, non è mai stato pubblicato un suo curriculum e non lavora al di fuori del programma televisivo se non in incontri organizzati nei palazzetti. Non è un istruttore cinofilo, né un comportamentalista. Approccia seri problemi comportamentali senza nemmeno riconoscerli.

    Gli animali subiscono soprusi e ingiustizie di ogni tipo quotidianamente e noi, come è evidente dal nostro sito e dai risultati che otteniamo, siamo sempre attivi per cercare di combatterle. Ma combatterle vuol dire anche fare informazione e quindi è giusto dare risalto ad una trasmissione che NON è improntata all’educazione, ma semplicemente a creare un fenomeno mediatico e a diffondere una falsa cultura cinofila. I proprietari di cani hanno bisogno di sapere, di conoscere chi c’è dall’altra parte del guinzaglio e fino a quando ascolteranno gente come Millan non lo sapranno mai. O peggio, crederanno si saperlo, si metteranno in situazioni pericolose cercando di emularlo e non avranno mai una buona relazione col proprio cane. Ecco perché dal canto nostro cerchiamo di diffondere una corretta cultura cinofila, mettendo in evidenza cosa è rispettoso dell’etologia del cane e cosa non lo è, in modo da guidare chi ha l’apertura mentale per essere guidato e chi non ha la presunzione di aver capito tutto solo perché ha visto uno show televisivo.

    Il nostro parere è avallato da esperti di comprovata esperienza, che abbiamo visto lavorare con i nostri occhi utilizzando il metodo gentile e abbiamo toccato con mano i risultati che ottengono grazie ad un approccio basato sui più recenti condotti dagli etologi. Nessun collare a strozzo, nessuna coercizione, nessun taglio televisivo: solo studio, rispetto e conoscenza.

    • Ti invito io a guardarla bene quella puntata non sta affatto utilizzando 2 collari a strozzo ma solo un collare per altro di nylon quindi neanche in metallo e neanche a strozzo, non e affatto vero che e stato indotto al morso, in fine scusa, ma se sei veramente convinto che Cesar usi metodi barbari o estremamente violenti, perche non li vai a salvare te i cani condannati a morte con i tuoi metodi molto efficaci(mi baso su fatti reali salva effetivamente cani condannati a morte)… Secondo me le persone che odiano e disprezzano Cesar sono solo invidiose di non avere una tale energia un tale successo con i cani (ancora mi baso solo sui fatti evidenti anche perche se non fosse cosi ci saresti te e tanta altra gente che la pensa come te a rieducare cani di zona rossa) quindi vi prego smettetela di essere banali e tristi con queste storie sulle violenze di Cesar,lo dice sempre allena i cani e rieduca i padroni .

  3. Per finire mi sono scordato di aggiungere secondo voi e’ meglio che il cane venga soppresso o utilizzare, come li chiamate voi, metodi coercitivi rudi barbari che spesso sono soltanto piccole correzioni; anche perche ‘ a me tra Cesar che salva un cane con qualsiasi strumento o metodo che vogliate e un giudice che condanna a morte un cane il barbaro non mi sembra Cesar.

    • davide.cavalieri says:

      Nessuno a mai parlato di sopprimere cani!!!!
      Ma di metodi diversi… Non mettere in bocca cosa mai dette o scritte su questo sito.
      Grazie
      Davide Cavalieri

      • si infatti ma se almeno riuscissi a leggere capiresti che ho scritto, meglio i suoi metodi o la morte del cane?, questo lo ho scritto solo e soltanto perchè lui salva cani dalla morte, in america un cane puo essere condannato a morte e Millan ne ha salvati molti da questa sorte, io non voglio mettere parole in bocca a nessuno!!!

  4. AH INVIDIA! NON HO MAI VISTO UN UOMO MIGLIORE DI LUI,CON I CANI! LUI HA UTILIZZATO IL COLLARE ELETTRICO, UNA VOLTA ,PERCHE IL CASO ERA TROPPO PERICOLOSO! e lui utilizza i collari che utilizzano i padroni! INFORMATEVI PRIMA! VI PREGHEREI DI LEGGERE QUESTO ARTICOLO http://www.cesarmillanfanclubitalia.it/cesarmillancollarielettrici.html io penso ci sia tanta invidia, insomma, perche dire no a lui? hanno paura di perdere il lavoro questi animalisti? invece di pensare a questo dovrebbero pensare al bene di tutti quei cani che sono meno fortunati, cesar è MAGNIFICO. pensate solo a quanti cani ha salvato! ah ma la ente è capace solo a parlare senza sapere neanche,che pena! SE CI FOSSERO PIU PERSONE COME CESAR IL MONDO SAREBBE MIGLIORE.

  5. Lucrezia says:

    Ahahahahah… non fatemi ridere! Vorreste dire che Cesar Millan ( che schifo scrivere nome e cognome)è un bravo addestratore? Uscite dalla vostra testa annebbiata da un nano messicano, e non abbagliatevi dagli schermi TV… secondo voi perchè è andato su Striscia la Notizia? Secondo voi tutte queste associazioni lo scrivono solo perchè non hanno niente da fare tutto il giorno? No, quindi qualcosa ci sarà!!! usare collari elettrici, far STRAMAZZARE i cani al suolo per mancanza di ossigeno, usare collari a strozzo dietro le orecchie, collari con punte interne vi sembra un buon metodo?? ma fatemi il favore! Questo qui ( non scrivo il nome per evitare di sporcare la tastiera, che dopo dovrei ripulire) è un maledetto torturatore di cani! Se siete suoi “fans” guardatevi la puntata del Husky Shadow e poi mi dite! E in questo caso, ancora più cretini di lui i padroni: il loro cane sviene per soffocamento e loro li impalati come idioti? Poi che mi dite dei suoi “calcetti educativi”? Vengono dati nella parte delicata del cane, ovvero l’addome, come se a voi dessero un calcio nella pancia! Vi farebbe piacere? Non vedete i cani come scappano indietro appena sentono il contatto col piede? E il bello è che si sente forte coi cagnetti di 10 kg, prendine uno da 100 kg e vediamo se te la cavi: ecco, un bel Kangal da guardia ci vorrebbe, vediamo se questo ” piccolo insignificante nano messicano” se la cava. In un episodio mi sono divertita un sacco a vedere un Labrador fargli sanguinare la mano… che bello! Vorrei aggiungere, a voi cari fans di Millan, che i lupi, nella loro gerarchia, non usano di certo metodi così: si limitano a sottomettere gli individui subordinati con qualche ringhio e breve pizzicotto, di certo non strozzando i propri simili. Tanto di qui a poco verrà censurato, in quanto considerato pericoloso e brutale nei confronti dei cani, e ne sono ben felice! Viene in Italia? Lo aspetta un “bel benvenuto”: che non si azzardasse a venire a cinquanta chilometri da casa mia perchè lo spedisco al suo paese a calci nel suo spregievole posteriore ( mi scoccerebbe pulirmi le scarpe nell’ ammoniaca per due ore però). “Educatore di cani”, se lui è un educatore di cani io sono una politica: mi chiedo come faccia a non vergognarsi a mostrare quella faccia in TV, nonostante non so quante persone gli siano contro… bah… gente strana… bisogna rispettarlo, poverino… si farà costantemente di droga e quindi avrà queste reazioni.

  6. Lucrezia says:

    Guardatevi questo video: GRANDE STRISCIA IL VERME MESSICANO SE NE VA A FARSI BENEDIRE!
    http://www.striscialanotizia.mediaset.it/video/videoextra.shtml?16546

  7. Incredibile quello di cui sono capaci di scrivere alcune persone.
    Gli addestratori, quelli seri, i veterinari e tutti quelli che capiscono davvero qualcosa su come si addestra un cane, dicono che quello che fa quel porco schifoso di cesar è SBAGLIATO e loro invece vengono qui a scrivere che non lo è?!
    veterinari e addestratori si riuniscono e fanno conferenze, Stoppa vi FA VEDERE cosa combina…e voi a scrivere che va bene così?
    Davvero, credo davvero che la stupidità non abbia limiti.
    Spero per voi che le vostre siano semplicemente provocazioni fine a se stesse, in caso contrario avete bisogno di qualcuno che vi aiuti e che nessuno mai vi dia un cane.

  8. ma perchè il testo dei commenti lo vedo tagliato?

  9. mamma mia ….che brutto quando la gente non vuol vedere..ma xke’ non vi mettete voi uno strangolo al collo e vi fate “trascinare” x un po’? IO a quel nanetto messicano gli metterei il collare elettrico nei c….e forse anche lui dopo un po’ si sottomette sfinito … ma possibile che anche quando le cose ve le mettono davanti agli occhi siete ciechi? ,,,,,

    • Ciao io vivo in ch e se un cane morde non ha la seconda possibilita, lo abbattono immediatamende. Il mio ha il vizietto di farlo e ha 5 mesi visto che 6 addesttratori hanno fallito e dato per spacciato, mi consigliate voi come fare…. Megli cesar oppure piu’ tardi la puntura per addormentarlo per sempre, e ha solo 5 mesi(mi rivolgo agli animalisti,vetrinari, tutti coloro che forse vendono meno libri del previsto).

Leave a Reply