News

La SIUA offre la sua collaborazione alle istituzioni siciliane

La Scuola di Interazione Uomo Animale fondata da Roberto Marchesini con sede a Bologna svolge da quasi un decennio le sue attività formative e culturali sul territorio siciliano.
Nel marzo del 2018, anche a seguito di spaventosi fatti di cronaca che hanno fatto emergere le criticità della situazione dei cani liberi in Sicilia, la Siua, attraverso il direttore Roberto Marchesini e la responsabile regionale Giuseppina Ottieri, ha riunito sul territorio un gruppo di educatori cinofili formati secondo l’approccio cognitivo zooantropologico e ha messo a punto con loro un primo piano di interventi,  per la realizzazione del quale viene offerta alle istituzioni siciliane la  disponibilità fattiva a collaborare qualora ne vengano comprese le premesse, recepiti gli obiettivi e data la possibilità di renderlo operativo.
In tutta Italia la Siua promuove progetti all’avanguardia nello studio, nel monitoraggio e nella salvaguardia della biodiversità anche in ambiti problematici per la convivenza interspecifica come il randagismo, trasformando in risorsa e arricchimento quello che ai più, a causa di errati comportamenti umani, appare un problema.
Attraverso l’operato del medico veterinario Elio Criscione, in linea con gli obiettivi e i principi della Scuola, la Siua sta costruendo un dialogo con le istituzioni.

Ci auguriamo, come cittadini e come studiosi, che in tale dialogo le istituzioni tengano conto dell’urgenza di affidare la messa in pratica di qualunque decisione a professionisti che abbiano una formazione scientifica accreditata e prassi operative efficaci.
A tal proposito la SIUA rende disponibili modelli virtuosi e valide prassi che auspicabilmente diano una svolta sensibile all’emergenza che la Sicilia sta vivendo.

La referente SIUA per la regione                                                                                                                                        Il Direttore di SIUA

Giuseppina Ottieri                                                                                                                                                                  Prof. Roberto Marchesini

 

 

Tags: , , ,

Leave a Reply