Manifestazioni

ZOOMARK INTERNATIONAL 2017: sempre in crescita

Numeri da record per Zoomark International 2017, la fiera b2b più importante in Europa negli anni dispari sui prodotti e le attrezzature per gli animali da compagnia.
A tre giorni dall’inaugurazione della manifestazione, organizzata da BolognaFiere e giunta alla 17a edizione, si registra un boom di partecipazioni e di iniziative. In crescita gli espositori, che saranno ben 735 (erano 615 nell’ultima edizione del 2015, con un aumento del 17%), provenienti dall’Italia e da altri 42 Paesi di tutto il mondo (35 nel 2015, +19%). Cresce anche il numero dei padiglioni, che quest’anno saranno 5 (erano 4 nel 2015) per una superficie espositiva totale di circa 50mila mq. Molto articolato anche il programma degli eventi, con 25 conferenze, workshop e seminari.
La fiera, aperta solo agli operatori professionali (nel 2015 i visitatori furono oltre 22mila), si svolgerà dall’11 al 14 maggio presso il Quartiere fieristico di Bologna. “Zoomark 2017 ha battuto ogni record, superando i risultati sempre in crescita delle sedici precedenti edizioni della fiera”, ha dichiarato Antonio Bruzzone, direttore generale di BolognaFiere. “Sono numeri che confermano il ruolo di leadership conquistato dalla nostra manifestazione. Zoomark International ben rappresenta un settore dinamico, con grandi potenzialità di crescita e che trova nel nostro appuntamento un’ampia panoramica delle proposte più innovative, un’occasione di formazione e di aggiornamento professionale e, certamente, ottime opportunità di business e di confronto con i maggiori produttori internazionali”.

Il programma di Zoomark 2017 si aprirà giovedì prossimo 11 maggio con il convegno inaugurale sul tema “Il mercato e i principali trend socio-culturali del mondo del pet in Italia”. Nell’occasione, sarà presentata la 10a edizione del Rapporto Assalco-Zoomark, il compendio annuale sul settore degli animali da affezione curato da ASSALCO (Associazione Nazionale tra le Imprese per l’Alimentazione e la Cura degli Animali da Compagnia) in collaborazione con Zoomark International, con il contributo di IRI Information Resources e di ANMVI (Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani).

Nei quattro giorni della fiera, sono previsti altri 25 appuntamenti ed eventi, organizzati da Zoomark International e anche da partner ed espositori. In programma, tra l’altro, le presentazioni di uno studio dell’istituto di ricerca Euromonitor International sulle prospettive per il mercato pet in diverse regioni del mondo e di un’indagine sui petshop in Italia realizzata da PetTrend, incontri sull’acquariofilia, sulle malattie dei piccoli animali da compagnia e sulle tecniche di toelettatura.
Domenica 14 maggio, si svolgerà anche l’assegnazione dei premi “Aqua Project Award”, un riconoscimento alla professionalità e alla creatività nella progettazione e nella realizzazione di un acquario o di un terracquario, rivolto ai titolari di petshop, garden center e ai rivenditori di acquari con sede in Italia.

Crescono in Europa l’attenzione e la cura per gli animali d’affezione. È quanto emerge da un’anticipazione della 10a edizione del Rapporto Assalco-Zoomark, compendio annuale sul mondo italiano dei pet, con uno sguardo sull’estero. Il Rapporto – curato da Assalco, l’Associazione Nazionale tra le Imprese per l’Alimentazione e la Cura degli Animali da Compagnia, e da Zoomark International, il Salone internazionale dei prodotti e delle attrezzature per gli animali da compagnia organizzato da BolognaFiere – verrà presentato ufficialmente giovedì 11 maggio nell’ambito del Convegno inaugurale di Zoomark 2017 presso il Quartiere fieristico di Bologna (Centro Servizi, Sala Concerto, ore 11).

Il trend di crescita per il settore del “pet care”, che include alimenti e accessori per gli animali di affezione, riguarda soprattutto alcuni dei principali mercati europei. Secondo le rilevazioni dell’istituto di ricerca IRI, nel canale Mass Market in Europa (nello specifico in Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Regno Unito, e Spagna), nell’anno terminante a giugno 2016 il pet care ha registrato una crescita a valore pari a +0,9%, arrivando a raggiungere i 9.980 milioni di euro di euro in questi soli sei Paesi. Il trend è stato trainato in particolare da Spagna (+5,5%), Italia (+2,2%) e Germania (+2,1%).

“Il trend dei mercati europei, che si riflette nel buon andamento di quello italiano”, ha commentato il presidente di Assalco, Gianmarco Ferrari, “testimonia quanto l’attenzione e la cura per i nostri animali da affezione – ormai membri a tutti gli effetti delle nostre famiglie e della comunità – siano consolidate e riflettano la fiducia nel nostro settore, che ha saputo crescere ed evolversi per rispondere in modo sempre più efficace alle esigenze di pet e proprietari”.

Secondo le ultime stime FEDIAF (European Pet Food Industry Federation), gli animali d’affezione nell’Unione Europea sono più di 200 milioni, ospitati in 75 milioni di abitazioni. I pet più numerosi sono i gatti che raggiungono i 70 milioni di esemplari, mentre i cani sono oltre 62 milioni.
Qualche curiosità: la Francia è il paese con il maggior numero di felini (12,6 milioni), il Regno Unito quello con più cani (8,5 milioni), la Germania ospita la più larga quota di roditori (5,9 milioni), mentre all’Italia va il primato per il numero degli uccelli ornamentali, con 12,9 milioni di esemplari. Gli acquari, invece – ai quali Zoomark 2017 dedicherà una nuova area e nuove iniziative – sempre secondo FEDIAF, si stima siano più di 15 milioni, concentrati prevalentemente in Germania (2,1 milioni), Francia (1,9 milioni) e Italia (1,662 milioni)

Ulteriori informazioni su www.zoomark.it.

Tags: , , , ,

Leave a Reply