News

Nina, la gatta che aveva salvato la sua proprietaria dal terremoto di Amatrice torna a riabbracciarla

A distanza di oltre sei mesi dai violenti terremoti che hanno devastato interi paesi dell’Italia Centrale, i coraggiosi e infaticabili soccorritori del Corpo dei Vigili del Fuoco continuano a lavorare senza sosta e a recuperare animali di proprietà che erano scomparsi durante quei drammatici giorni di agosto.

Grazie all’impegno e alle competenze del Vigile del Fuoco di Varese, dott. Claudio Carcano medico veterinario del Servizio Cinofilo Nazionale e al supporto di tutti i volontari operanti su quel territorio martoriato, è stato possibile nei giorni scorsi “catturare” e soccorrere diversi animali, ma anche riconsegnare ai rispettivi proprietari due gatte, Sina e Trilly.
Pietro, il proprietario di Sina, ha già espresso il suo ringraziamento commosso alle persone che gli hanno permesso di riabbracciare la sua amata micia. A lui si aggiunge anche Marzia, che aveva quasi perso le speranze di ritrovare la sua Trilly ed ora è al settimo cielo.

Ma non finisce qui. L’ultimo ritrovamento, in ordine di tempo, riguarda Nina la gatta della signora Marina, che è protagonista di una storia davvero commovente e racconta: “La notte del terremoto le mie due gatte, Nina e Sissy, hanno fatto di tutto per svegliarmi ed è grazie a loro se sono ancora viva. Nina, in particolare, ha sempre avuto l’abitudine di aprire le porte e così mi ha fatto capire che qualcosa non andava. Mi sono alzata per farle uscire ed in quel momento è arrivato il terremoto. Sono stata 7 ore sotto le macerie e non potete immaginare la gioia di uscire e rivedere la luce. Ancora oggi il mio soccorritore mi chiama per sapere come sto. Poi ho dovuto affrontare due mesi di ospedale e appena uscita il mio pensiero è stato per le mie due gatte, che nei fatti, mi avevano salvato la vita. Da allora, quasi ogni giorno, mi sono recata in zona rossa per cercare di riportarle a casa. Nina in questi mesi era stata avvistata ma nessuno era riuscito finora a prenderla. Adesso manca all’appello ancora Sissy ma sono fiduciosa. Sono infinitamente grata al dott. Carcano per la sua serietà e competenza e a Roberto De Angelis Vigile del Fuoco di Rieti per tutto quello che hanno fatto e stanno facendo ed in particolare per esser riusciti a restituirmi la mia adorata Nina”.

Il progetto lanciato dalla Regione Lazio ed in particolare dalla Dott.ssa Rita Zaccherini, per soccorrere e restituire gli animali ancora vaganti alle loro famiglie, che vede la partecipazione di Sindaci, dell’ASL, di veterinari liberi professionisti e ben sei associazioni animaliste (Animalisti Italiani, LAV, LNDC, Il guardiano dell’ombra, Oipa, WWF), sta dando ottimi risultati. L’idea poi di richiamare ad Amatrice il dott. Carcano, con le sue competenze etologiche, si spera possa essere il primo passo per la costituzione di una vera e propria squadra di Vigili del Fuoco, specificatamente dedicata al soccorso degli animali in caso di calamità, come richiesto anche da una petizione lanciata dai volontari www.change.org/p/presidenza-del-consiglio-dei-ministri-salviamo-gli-animali-vittime-del-terremoto.

Per le persone che hanno già perso tanto a causa del terremoto, ritrovare i propri compagni a quattro zampe può essere un grande conforto e motivo di speranza.

Tags: , , , ,

Leave a Reply