Comunicato Stampa

LA PROCURA di LANCIANO (Chieti) AFFIDA ALLA LAV 49 TOPI SUPERSTITI DELL’ISTITUTO MARIO NEGRI SUD, DENUNCIATO PER L’UCCISIONE “NON NECESSITATA” (ARTICOLO 544 BIS CODICE PENALE) DI CENTINAIA DI ALTRI TOPI

Per la prima volta in Italia viene effettuato un sequestro di animali destinati alla vivisezione, appartenenti a un Istituto di ricerca autorizzato dal Ministero della Salute.

Questa mattina 49 topi “da laboratorio” dell’Istituto Mario Negri Sud di Santa Maria Imbaro (Chieti) sono stati posti sotto sequestro preventivo dal Corpo Forestale dello Stato per ordine della Procura della Repubblica di Lanciano e affidati alla LAV. L’associazione è stata autrice di una circostanziata denuncia per uccisione “non necessitata” di animali, reato sanzionato dall’articolo 544 bis del Codice Penale che prevede fino a due anni di reclusione e dallo stesso Decreto Legislativo 26-2014 sulla sperimentazione che prevede “il reinserimento degli animali in un habitat adeguato”.

Gli animali salvati sono i superstiti alla soppressione di un migliaio di loro simili, avvenuta lo scorso aprile da parte del Mario Negri Sud, Istituto che lo ha reso noto senza alcuna remora, dicendo pubblicamente che ciò era stato fatto per mancanza di fondi, visto lo stato di crisi economica del centro di ricerche.

“Il sequestro giudiziario pone in salvo gli animali e li mette al riparo dal pericolo di altre violazioni delle leggi – dichiara Gianluca Felicetti, presidente LAV – aldilà dello sdegno per l’uccisione degli altri topi, noi abbiamo operato giuridicamente facendo valere non l’elargizione di un favore nel prendere in carico questi animali ma il loro diritto a non essere uccisi in un laboratorio”.

“L’uccisione degli altri topi pone in evidenza l’esistenza di una inaccettabile prassi del sistema-vivisezione, tanto più grave perché esercitata all’interno di quello che viene declamato come l’eccellenza degli Istituti di ricerca in Italia che professa, purtroppo solo a parole, il principio del ricorso ai metodi alternativi”, conclude Michela Kuan, biologa e responsabile LAV settore vivisezione.

La LAV in queste ore sta provvedendo sotto controllo medico-veterinario al trasferimento dei topi presso una struttura idonea a garantire loro la vita e degna di essere vissuta. Gli animali verranno custoditi ed accuditi sotto la responsabilità della LAV, nominata custode giudiziario dalla Procura della Repubblica.

La LAV si oppose con forza alla creazione del Mario Negri Sud ai tempi della sua apertura, negli anni ’90 criticando anche la pioggia di contributi pubblici stanziati per realizzarla. Per il futuro dei lavoratori dell’Istituto la LAV chiede la sua riconversione a Centro d’eccellenza sullo sviluppo dei metodi sostitutivi della vivisezione.

1.08.2014
Ufficio stampa LAV 06.4461325 – 329.0398535
www.lav.it

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply