Manifestazioni

MIAO SI GIRA !!!! Gatti, gattoni, gattini… al Museo Fermo Immagine di Milano

16 febbraio – 7 aprile 2014
Per volontà delle maggiori associazioni feline il 17 febbraio viene celebrato da anni come la Giornata Nazionale del Gatto.
Per festeggiare la ricorrenza Fermo Immagine – Museo del Manifesto Cinematografico, in collaborazione con Urban Pet (www.urbanpetitalia.com), allestisce una mostra originale dedicata a tutti i catofili cinefili: MIAO, SI GIRA!
100 manifesti, tra fotobuste, foto di scena, soggettoni e locandine di film in cui il gatto compare come fuggevole comparsa, orgoglioso protagonista oppure come “aggattivante” metafora… Dal micione rosso senza nome che compare in “Colazione da Tiffany” agli scatenati “Aristogatti”, dal gatto detective di “FBI Operazione Gatto” all’avventuroso “Gatto con gli Stivali”, dalla sensuale Catwoman al Siamese misterioso di “Una strega in paradiso” fino al nostrano gatto condominiale che “cuce” le divertenti storie ne “Il Gatto” diretto da Luigi Comencini e ai gatti horror di Stephen King, ecco un percorso espositivo che non mancherà di riservare tante sorprese! Per tutta la durata della mostra saranno organizzati incontri e rassegne cinematografiche a tema.
La mostra è organizzata in collaborazione con Mondo Gatto e RadioBau (www.radiobau.it) e Youpet tv (www.youpet.it).

Domenica 16 febbraio, primo giorno di mostra, è dedicata a tutti i bambini;: dalle 14 alle 19 in mostra si terranno laboratori e intratenuimento per tutti. Sarà presente Sandro Dossi, grande fumettista che per anni ha disegnato Gatto Silvestro e Felix, che disegnerà per tutti i bambini insegnando come si disegna un micio a fumetti. La cantante Laura Susan canterà le più belle canzoni dedicate ai gatti: da “44 Gatti” a “Il mio gatto” appositamente composta per la Giornata

Lunedì 17 febbraio, Giornata Nazionale del Gatto, il museo resterà eccezionalmente aperto dalle 14.00 alle 22.00 per dare a tutti gli appassionati l’occasione di passare una serata “miciesca” con esperti e appassionati.
A partire dalle 20.30 la mostra si trasformerà nel magnifico castello del Marchese di Carabas, il fortunato padrone del mitico Gatto con gli Stivali, che sarà presente in mostra in carne, pelo e ossa, pronto a farsi fotografare con tutti i visitatori. Saranno ospiti graditi, con ingresso gratuito alla mostra, tutti coloro che si presenteranno con trucco o abito felino e chi si chiama Gatti, Gatto o Gattoni! Ospite d’onore sarà il disegnatore Stefano Gargano “Kaneda” autore delle divertentissime strisce de “La Gatta” che stanno spopolando su internet.
Durante la giornata, e per tutta la durata della mostra, sarà possibile consegnare alla cassa del Museo scatolette di cibo da destinare al gattile dell’Associazione Mondo Gatto di Via Schievano.

LA MOSTRA
Al contrario del cane, si sa, il gatto non è un animale facile da addomesticare. Per un regista girare un film con un gatto protagonista può infatti rivelarsi un’impresa davvero difficile, eppure qualcuno ci ha provato ottenendo risultati degni di nota! Ecco allora rari manifesti di pellicole indimenticabili come FBI Operazione Gatto (1965) o Il gatto venuto dallo spazio(1977), entrambi firmati Disney e con protagonisti rispettivamente un Siamese assoldato dall’FBI per risolvere un difficile caso e un Abissino extraterreste che comunica con gli uomini tramite un collare elettronico. Più moderni, ma amatissimi dai ragazzi di tutto il mondo, sono i due cattivi Persiani bianchi coprotagonisti di due film di successo come Stuart Little – Un topolino in gamba (1999) e Come cani e gatti (2001), ambedue girati con gatti veri “animati” con l’aiuto del computer. Ci sono poi i cosiddetti “cats on the road” come la Siamese protagonista de L’incredibile avventura (1963) oppure il micio rosso di Harry e Tonto (1974).
I manifesti di due capolavori ci svelano anche che i gatti sono stati anche abili narratori in grado di cucire con la loro discreta presenza storie diverse, come accade nell’inquietante L’occhio del gatto (1985, tratto da un romanzo di Stephen King) e nella commedia italiana Il gatto (1977, di Luigi Comencini con due strepitosi Ugo Tognazzi e Mariangela Melato). Non è propriamente una gatta, ma poco ci manca, la sexy protagonista che campeggia sul manifesto del film Catwoman (2004), dove Halle Berry interpreta la parte dell’acerrima nemica-amica di Batman che torna in vita grazie ai poteri di un gatto. Gatti horror: ecco Church, il gatto redivivo che torna dall’aldilà in Cimitero vivente (1989). Ma di gatti “horror” ce ne sono molti e a loro viene dedicata una piccola sezione a parte in cui non mancano gli inquietanti ma graficamente bellissimi manifesti di film come I delitti del gatto nero (1990), La tomba di Ligeia (1964), Black Cat – Gatto nero di Lucio Fulci (1981), Artigli di Denis Heroux (1977), Il gatto a nove code di Dario Argento (1971) … tutti capolavori di suspense in cui il gatto, pur non comparendo sempre, si è guadagnato la grafica del manifesto da vero protagonista.

Grande spazio sarà dedicato ai cartoni animati: dai mitici Aristogatti (1970) della Disney, di cui verranno esposte diverse edizioni del manifesto originale e una grande selezione di fotobuste, ai classici lungometraggi della Warner con protagonisti gatti famosissimi come Silvestro e Tom, con titoli divertenti come Il topo è mio e lo mangio quando mi pare e Silvestro Gatto Maldestro. Non mancheranno ovviamente gatti “animati” in digitale di ultima generazione come il fortunato Garfield il Film (2004), protagonista di ben due pellicole, e il popolarissimo Il Gatto con gli Stivali (2011) che dal successo della saga di Shrek si è guadagnato una pellicola tutta sua di cui sono esposti manifesti e fotobuste. Molte le curiosità, a partire da rare fotobuste del bellissimo film giapponese d’animazione Il Gatto con gli Stivali (1969) tra i cui animatori compare il grande Hayao Miyazaki (1969). Spazio anche all’animazione italiana con manifesti, fotobuste e preziosissimi rodovetri originali di Allegro non troppo (1976) di Bruno Bozzetto (episodio col micio grigio sulle note del Valzer Triste di Sibelius) e di La Gabbianella e il Gatto (1998) di Vincenzo d’Alò tratto dalla celebre novella di Luis Sepulveda. Non mancano manifesti e locandine con altri mici che han fatto la storia dell’animazione: dallo spelacchiato Sergente Tibs de La Carica dei 101 (1961) alla coraggiosa Mittens di Bolt – Un eroe a quattro zampe (2008), da Oliver di Oliver&Company (1988) all’antipaticissimo Lucifero che fa i dispetti a Cenerentola (1950), fino ai due bisbetici Si&Am che rendono la vita impossibile alla povera cagnetta protagonista di Lilli e il Vagabondo (1955). Spazio anche a un simpaticone come lo Stregatto, che compare (e scompare) in ben due capolavori, in animazione tradizionale in Alice nel Paese delle Meraviglie (1951) e in digitale in Alice in Wonderland di Tim Burton (2010). C’è perfino un gatto contestatore e porcellone come Fritz, protagonista sconcio e sboccato di quel film a cartoni animati, Fritz il Gatto (1972), che negli anni Settanta venne censurato per via della graffiante (è il caso di dirlo) satira politico-sociale.

Non sempre il gatto è protagonista assoluto di film, ma quando compare ruba la scena! Lo dimostra il clamoroso successo di mici che in alcuni film compaio fuggevolmente restando però impressi nella memoria del pubblico, come testimonia il gatto senza nome che viene coccolato sotto la pioggia da Audrey Hepburn in Colazione da Tiffany (1961), guadagnandosi perfino l’onore del manifesto accoccolato sulla spalla dell’attrice! E che dire dell’antipaticissimo Sfigatto di Ti presento i miei (2000), che è finito per diventare una vera e propria star con tanto di pagine face book dedicate. In ambito spy story non si può pensare a un cattivo senza gatto da accarezzare da quando in Agente 007 – Al servizio segreto di Sua Maestà (1969) Telly Savallas interpretò il perfido Blofeld, un folle che ordisce piani di distruzione e dà la caccia all’agente segreto più famoso del mondo accarezzando un morbido gattone bianco (un persiano di nome Solomon). E chi non ricorda che in fondo, alla fin fine, è proprio un gatto ad aiutare Sigourney Weaver a mettere fuori uso il terribile mostro alieno in Alien (1979), capolavoro di Ridley Scott? Alieni e fusa anche nel divertente Man in Black (1997), col gatto che tiene appeso al collare il destino dell’intera galassia! Nemmeno un mago come Harry Potter ha potuto resistere al fascino felino… ed ecco comparire Gratastinchi in Harry Potter e il Prigioniero di Azkaban (2004)… Si torna ai classici senza tempo con Una strega in paradiso (1958), dove troviamo il micio Pyewacket a fianco della bellissima Kim Novak, e in Pomi d’ottone manici di scopa (1971) con il bruttissimo Brividocosmico.

Ogni manifesto è accompagnato da una didascalia che spiega il ruolo del gatto nel film svelando piccole e grandi curiosità e aneddoti accaduti sul set. Ai gatti più importanti, alcuni dei quali vincitori di numerosi premi e presenti sui set di più film, come nel caso di Orangey di Colazione da Tiffany, sarà dedicato un piccolo approfondimento personale.

GATTI E MUSICA
Una sezione molto particolare della mostra, curata da Davide Cavalieri, anima di Radio Bau, è dedicata ai gatti che sono stati protagonisti della musica: parlando di gatti e cinema non si poteva, infatti, dimenticare la loro presenza neivideoclip. Ed ecco, allora, in mostra una selezione dei video musicali più miciosi. Ma non è finita: parlando di gatti e musica non si poteva non raccontare la loro presenza sulle copertine dei dischi e per farlo abbiamo saccheggiato una importante collezione in modo da poter esporre una selezione di “copertine” ad alto tasso di felinità.
Proprio per una delle sue caratteristiche principali,l’indipendenza, il gatto é spesso stato accostato alla musica di ogni genere.
– Iniziamo la nostra rassegna di copertine gattose con uno splendido scatto realizzato da Jim Mc Crary nel 1971, per la copertina di Tapestry di Carole King. Quasi in primo piano Telemaco guarda stupito in camera comodamente seduto su di un cuscino. Va sottolineato che il gatto era realmente della cantante,e che i genitori si chiamavano Ulisse e Penelope.
– É del 1975 lo scatto in B/N di Cher per la copertina di Dark Lady realizzato da Richard Avedon,in cui un meraviglioso gatto nero,quasi a simboleggiare le molte vite artistiche vissute dalla cantante,ruba la scena ad una elegantissima Cher,fasciata in un’abito di Calvin Klein.In una delle due versioni video di questo brano (quella cartoon) Troviamo nuovamente un gatto che come per magia é diventato bianco.
Gattesca all’ennesima potenza, é l’immagine sviluppata da Colin Elgie del famoso Studio Hipgnosis, sulla copertina del 1976 di Al Stewart e il suo capolavoro Year Of The Cat. Nulla é lasciato al caso e ogni singolo particolare viene reinventato in modo felino, entrando a pieno diritto nella classifica delle 100 copertine più belle della storia del Rock.

E inoltre..

GATTI DI CARTA
La mostra trae spunto dal volume MIAO, SI GIRA! un saggio-catalogo , ricco di aneddoti e curiosità, firmato da Giuseppe Colangelo che racconta come con “passo felpato e ostinazione i gatti si sono fatti largo tra divi e starlet, aggiudicandosi premi e conquistando le platee di tutto il mondo grazie alla loro contagiosa simpatia e quel pizzico di mistero che da sempre li contraddistingue”. Il libro, sorta di catalogo della mostra, sarà acquistabile presso il bookshop del museo. Ma non è finita: in occasione della mostra il Museo Fermo Immagine pubblica, sia in versione cartacea che digitale, il suo primo libro: IL PICCOLO GRANDE LIBRO DELLE STORIE DEI GATTI, una raccolta dei racconti ormai classici, da “Costantino Fortunato”, prima versione della storia conosciuta come “Il Gatto con gli Stivali” narrata da Francesco Straparola nel 1553, a “Il Gatto del Vicario” di Emma Perodi, che hanno reso mitica la “furbizia “ del gatto. Accanto a racconti, fiabe e favole ormai classiche non mancano momenti grande poesia come “Il Gatto che se ne andava solo” di Rudyard Kipling.
IL PICCOLO GRANDE LIBRO DELLE STORIE DEI GATTI non è solo bello, ma è anche buono: parte del ricavato della vendita sarà devoluto a Mondo Gatto.

IL PREMIO URBANCAT “SUL GATTO”
In concomitanza con la mostra MIAO, SI GIRA! Urbancat indice il premio dedicato alla migliore opera “sul gatto”. Il premio, intitolato a Giovanni Rajberti, medico e scrittore milanese (Milano, 18 aprile 1805 – Monza, 11 dicembre 1861), autore nel 1845 del felinesco “Sul gatto, cenni fisiologici e morali”, sarà assegnato da una giuria di amanti e conoscitori dei mici all’opera, letteraria o fumettisica, che meglio contribuisce, nello spirito del volume di Rajberti, alla conoscenza del gatto.
16 febbraio – 7 aprile 2014

FERMO IMMAGINE
Museo del Manifesto Cinematografico di Milano
Via Gluck, 45 – Milano

Ingressi: 5 euro (intero) – 3 euro (ridotto) – Dal martedì alla domenica: 14.00-19.00 – Lunedì chiuso
Info: 02/36505761 – www.museofermiommagine.it

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,