News

Wildlife Trafficking – Stop al Bracconaggio in tutto il mondo!

Gran parte della fauna selvatica del mondo è in crisi e una delle minacce principali per molte specie è bracconaggio e il traffico illegale di loro parti e prodotti. Questo crimine della fauna selvatica è aumentato notevolmente negli ultimi anni per diverse ragioni, alcune delle quali,sfortunatamente, hanno ricevuto poca attenzione dalla stampa.

Il commercio internazionale di parti e prodotti di animali selvatici vale più di $ 150 miliardi all’anno. Sì, miliardi.
Il commercio internazionale illegale di specie selvatiche è considerato da alcuni esperti come il quarto più grande commercio illegale al mondo (dopo la droga, armi e tratta di esseri umani). Si tratta di animali e piante utilizzati per collezionismo, prodotti alimentari, animali, ornamenti, curiosità, pelli, medicinali e cosmetici. Esso comprende decine di milioni di mammiferi selvatici, rettili, uccelli, pesci e altre specie.
Diversi incontri si svolgono questa settimana a Londra come parte di un’iniziativa globale denominata United per la Fauna Selvatica.
Questa coalizione di organizzazioni ambientaliste tra le più importanti del mondo, in collaborazione con la Fondazione Reale il Duca e la Duchessa di Cambridge e il principe Harry, ha convocato un importante simposio internazionale sul traffico di animali selvatici per individuare soluzioni a questa crisi.

Il governo britannico e il principe Carlo hanno radunato un gruppo di funzionari governativi di alto livello a seguito del simposio per cercare una via d’uscita. Le soluzione si concentrerà su: sforzi site-based per fermare il bracconaggio sul terreno; anti-tratta e la necessità di modificare il comportamento dei consumatori, tra cui termina la domanda dei consumatori di avorio e di altri prodotti.

“Questi incontri avvengono in un momento critico” afferma la Dottoressa Susan Lieberman – Direttore Esecutivo per la politica di conservazione presso la Wildlife Conservation Society e componente del Advisory Council del presidente degli Stati Uniti Barack Obama Wildlife Traffiking Ho lavorato sul tema del commercio di fauna selvatica internazionale da oltre 25 anni, il livello di bracconaggio, commercio illegale, e il coinvolgimento di organizzazioni criminali e funzionari corrotti é leggermente migliorato,ma la battaglia non é ancora stata vinta! L’attuale ondata di bracconaggio in molti paesi è svolta da reti criminali sofisticate e ben organizzate. Usano elicotteri, attrezzature per la visione notturna, tranquillanti e silenziatori per uccidere animali di notte, evitando le pattuglie delle forze dell’ordine. Questo commercio è guidato da – e stimola – sia la corruzione e la proliferazione di armi.

Sia a Shanghai, Bangkok, o New York, i mercati di avorio devono essere chiusi se vogliamo fermare queste pratiche una volta per tutte.

C’è solo così tanto che le organizzazioni di conservazione possono fare, in ultima analisi, sono i nostri governi che devono intervenire, sia nei paesi che ospitano queste specie, o in paesi di transito e consumatori. Il presidente Obama ha emesso un ordine esecutivo lo scorso anno, che ha istituito una task force inter-agenzie e del Consiglio consultivo per la Wildlife Trafficking, e la strategia degli Stati Uniti sul traffico di fauna selvatica deve essere rilasciato presto.

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply