Gossip

3 tonellate di Avorio distrutte all’ombra della Torre Eiffel

La Francia ha aderito insieme ad un numero crescente di altri paesi, tra cui gli Stati Uniti e la Cina, a distruggere le sue riserve di avorio.

Più di tre tonnellate di avorio, sono state polverizzate in Champs de Mar, ai piedi della Torre Eiffel simbolo di Parigi.
La scorta valeva più di un milione di dollari, ed era composto da 698 zanne di elefante e quasi 15.000 oggetti intagliati, tra cui gioielli e sculture.
La maggior parte di questi manufatti erano stati sequestrati a Parigi all’aeroporto Charles de Gaulle, pensate quanti animali hanno sacrificato la propria vita per un monile, un oggetto…

Sebastien Tiran, un agente doganale all’aeroporto, ha dichairato che l’avorio, sopra tutti gli altri tipi di contrabbando, è rimasto un elemento sempre presente in arrivo e in uscita da Charles de Gaulle. “I sequestri doganali possono variare da un anno all’altro, c’è molta evoluzione in esso, ma una cosa sfortunatamente non cambia: l’appetito dei consumatori per l’avorio.”

Nel novembre 2013, la US Fish and Wildlife Service ha distrutto sei tonnellate di avorio sequestrate al Rocky Mountain Arsenal National Wildlife Refuge fuori Denver, Colorado. (Video http://m.youtube.com/watch?v=baoUZzj2tY4)
La Cina ha seguito l’esempio, distruggendo 6,2 tonnellate di avorio questo gennaio.
Gabon, Kenya e Filippine hanno inoltre organizzato eventi di distruzione dell’avorio confiscato.
Hong Kong potrebbe bruciare la sua massiccia riserva nei prossimi due anni.
La Francia è la prima nazione europea a schiacciare la riserva di avorio confiscato dal 1989,anno del divieto di commercio globale. Un certo numero di OMG che hanno partecipato all’evento, tra cui il WWF e IFAW (Il Fondo internazionale per il benessere degli animali).

Celine Sissler-Bienvenu, di IFAW Francia Direttrice per il paese francofono, reduce da un recente progetto di trasferimento di elefanti, conclusosi con successo in Costa d’Avorio, afferma “É un segnale forte e doveroso che abbiamo voluto dare per cercare di fermare definitivamente questa inutile strage”
“Prima, la pena per il contrabbando con un prodotto di un animale protetto era 15.000 euro. Ora è di 150.000 euro e due anni di carcere” inasprire le pene é stato il primo passo per dire BASTA!
Solo un punto di partenza.

Julien Marchais, fondatore della OMG francese Des Elephants & des Hommes , un’organizzazione che si concentra sulla convivenza uomo-elefante in un certo numero di paesi africani, tra cui Burkina Faso e Camerun, era presente alla manifestazione sotto la Torre Eiffel.

Mentre Marchais loda l’azione del governo francese, dice che è solo “un punto di partenza verso, soluzioni a lungo termine al di là di questa. Coloro che vivono con gli elefanti “, dice,” sono molto più interessati a trovare soluzioni a lungo termine per una positiva convivenza uomo-elefante, unendo sviluppo socio-economico e tutela ambientale “.
E tuttavia, aggiunge, “noi eravamo pienamente consapevoli che questo mucchio di avorio è venuto tristemente dal bracconaggio di centinaia di elefanti magnifiche e sensibili.” Ma questo segnale forte ci fa sperare in un futuro migliore in cui queste barbarie non debbano più succedere!

Tags: , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply