Gossip

Nevia Togni; da Circense a Padrona del proprio Destino!

Se e’ vero che siamo padroni del nostro destino, la nostra ospite ne e’ un ottimo esempio. Nevia Togni, porta a Radiobau la sua testimonianza, quella di aver scelto un altra vita al posto di quella che si era trovata nascendo in una famiglia di circensi. Alla fine degli anni ’80, Nevia abbandona il nucleo che l’aveva ospitata fino dalla nascita. Una scelta difficile, se si pensa alla chiusura che hanno le caste circensi!
“Me ne sono andata perche’ era ora di andare, e non avevo catene al contrario dei poveri animali che sono rimasti. A distanza di tempo dal di fuori mi sono resa conto di tante cose…Degli orrori e delle violenze a cui vengono sottoposti gli animali ne ero gia’ a conoscienza quando vivevo con loro. Ora mi sono resa conto che ai circensi manca il confronto con la gente, sono chiusi nel loro mondo ed anche se gli parli insieme, non ascoltano”
Quindi ci troviamo di fronte ad un ex circense diventata animalista… “Non amo gli stereotipi, se sono classificata come animalista perche’ a forza di vedere animali morire in incidenti, o maltrattati ho deciso di abbandonare quel mondo, perche’ da sola a 23 anni non potevo fare nulla, allora sono animalista!” Volendo fare qualcosa di propositivo, si potrebbe fare qualcosa di bello con il Circo in Italia, anche secondo te Nevia? “Ma direi proprio di si’, mi pare che le Cirque du Soleil abbia dato una grande lezione! Eppure nessun circense italiano avrebbe dato piu’ di due anni di vita ad uno spettacolo del genere. Per fare un grande spettacolo senza animali, bisogna lavorare e loro non hanno intenzione di lavorare. Perche’ dovrebbero farlo, quando hanno le sovvenzioni statali…lasciamo stare va’!”
Ora che vivi fuori da tutto, ti sara’ capitato in qualche viaggio di imbatterti in un animale che gia’ conoscevi, ma questa volta lui era nel suo habitat, cosa hai provato? “Meraviglia! Ho pensato come avevo fatto ad essere cosi’ cieca fino a qualche anno prima. Ora ho mio marito, cerco di essere una brava moglie, curo la mia famiglia i miei figli e poi dipingo. Avevo iniziato sui carri da ragazzina, ed ho ripreso questa abitudine. Dipingo proprio la gente del circo, senza animali, come fossero delle istantenee di qualcosa che vorrei. Il Circo senza animali”
L’intervista prosegue su radiobau.it , lunga e tortuosa, fra sorrisi ed emozioni forti di una testimonianza, di chi vorrebbe che il suo gesto insegnasse qualcosa a chi continua a non chi continua a non voler vedere (Davide Cavalieri)

Tags: , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply