Comunicato Stampa

Liguria Pet Friendly e tutelata

A seguito dell’iniziativa relativa all’Anagrafe Canina anche per i tutisti che tutela i cani al seguito di chi visita la Liguria ecco un altra lodevole iniziativa Ligure;

Genova – Parte il monitoraggio dei parchi cittadini a cura del nucleo di Guardie Zoofile LNDC con l’Assessorato all’Ambiente del Comune.
Da lunedì 22 Luglio u.s. è partito a Genova un programma di monitoraggio dei principali parchi cittadini, organizzato dal nucleo di Guardie Zoofile della Sezione genovese della Lega Nazionale per la Difesa del Cane, concordato con l’Assessorato all’Ambiente del Comune di Genova e con il contributo dell’Associazione Amici degli Animali Abbandonati.
Le ville coinvolte nel progetto sono Villa Rossi a Sestri Ponente, Villa Grüber a Castelletto, Villa Imperiale a San Fruttuoso, i giardini Pavanello a Sampierdarena e i parchi di Nervi.
La duplice finalità è quella di creare un’interfaccia tra i cittadini tutori di cani e il Comune, al fine da un lato di informare i primi sui diritti e i doveri legati alla convivenza interspecie in ambito urbano e riportare al Comune le eventuali lamentele o richieste, e dall’altro di segnalare all’ente pubblico il livello di efficienza o inefficienza così come di godibilità o degrado delle diverse strutture.
La singolarità dell’intera operazione è un nuovo volto della Guardia Zoofila: oltre a quello repressivo, associato alla duplice funzione di polizia amministrativa, laddove accerta e sanziona gli illeciti amministrativi appunto, e di polizia giudiziaria limitatamente al reato di maltrattamento animale, ecco quello pedagogico, volto a formare la cittadinanza ad una congrua convivenza interspecie, a norma di legge e di buon senso civico. In una società – quella nostra – sempre più multietnica, il segreto per una civile coabitazione è improntare ogni relazione interumana sull’etica della differenza, capace di rispettare le varie tipicità etniche e di intrecciarne le diverse declinazioni antropologiche in un’ibridazione culturale che le includa superandole. Ed ecco che in questo nuovo gioco ad incastro sociale, la convivenza interspecie – per la consuetudine con cui si affaccia da sempre nelle nostre città e ad un tempo il livello semplificato della sua portata d’azione – si fa palestra di tolleranza, perché è nostra convinzione che proprio attraverso la socializzazione interspecifica gli uomini possano apprendere a superare le barriere razziali all’interno della loro stessa popolazione, magari semplicemente copiando quello che da sempre sanno fare i cani.

Marco Di Cosmo
addetto stampa
stampa@legadelcane.org
Tel. 328 8355866

Lega Nazionale per la Difesa del Cane
Via Catalani 73, 20131 Milano
Tel. e Fax 02 26116502
www.legadelcane.org

Tags: , , , , , , ,

Leave a Reply