SOS BAU

Nascera’ il Rifugio NO HARLAN

Susanna Chiesa Presidente Freccia 45

“Quando tutti gli esseri umani capiranno che tutti gli animali sono uguali, e di conseguenza non esisteranno piu’ vivisezione, animali da allevamento per capi in pelliccia, per alimentazione e per qualunque genere di sfruttamento, solo allora la mia lotta e quella di Freccia 45 sara’ terminata” esordisce cosi’ Susanna Chiesa ospite a Radiobau “per la vivisezione vengono utilizzati svariati tipi di animali, non solo i Beagles, e’ nostro desiderio dare una casa, una seconda opportunita’ di vita anche a questi animali, che nel mondo umano, non sono considerati da affezione, da abbracciare e coccolare”
Prosegue lanciatissima “Infatti questi che sono animali recuperati da centri di sperimentazione, non sono animali che amano la socialita’. Sono animali spesso nati in cattivita’ all’interno degli stabilimenti, non hanno mai visto sole, aria…un prato. Dall’uomo hanno solo ricevuto cattiverie, angherie, dolore. E poi mica tutti gli animali sono nati per essere presi in braccio e coccolati, ma hanno diritto alla vita e noi dobbiamo aiutarli” Nascera’ quindi il Rifugio NO HARLAN!! Da dove si inizia con un progetto cosi’ grande??
“Da ogni genere di offerta, abbiamo bisogno di tutto, per cui ogni offerta e’ benvenuta. La cosa piu’ importante sono i volontari per la prima assistenza degli animali. Ci va’ davvero una grande pazienza. In questo periodo io sto ospitando due Ratti femmine, ogni volta che gli do’ da mangiare mi mordono… E’ normale che succeda, e quindi?? Le terro’ per tutto il tempo necessario, pur sapendo che mi morderanno ogni giorno”
A seguito dell’ 11 Marzo 2013, data storica che sembrava non dovesse arrivare mai, la lotta alla Vivisezione continua!!!
Si testa ancora e moltissimo per tutti gli altri motivi previsti dalla legge! www.noharlan.org

Tags: , , , , , , ,

8 Comments

  1. monica ferrari says:

    …Gentile Direttore vi seguo sempre e so che siete sensibili all’argomento. Vorrei che portaste a conoscenza del pubblico la notizia secondo cui la moderna Cina usa cucinare animali vivi. Sto informando di questo radio e televisioni. Maggiori notizie sulla pagina Facebook di Linda Camac, che ha lanciato la petizione o potete consultare anche change.org (se vi regge il cuore..). Sono certa che i giornalisti abbiano un cuore e un anima. Monica Ferrari ,imperia
    STOP COOKING LIVE ANIMALS !

    Firmate la petizione che vieta questa pratica orribile in cina

    http://d22r54gnmuhwmk.cloudfront.net/photos/8/bu/ch/WoBuChMogzVOzdB-556×313-noPad.jpg
    STOP COOKING LIVE ANIMALS

    • davide.cavalieri says:

      Buongiorno Monica,
      purtroppo ne siamo a conoscenza… Ti ringraziamo per la tua accorata segnalazione.
      Di cui faremo informazione approfondita appena possibile!!
      GRAZIE
      Davide Cavalieri

  2. Pingback: Nascera’ il Rifugio NO HARLAN « dariavegan

  3. Giovanna says:

    Perchè la signora Susanna ha deciso di suicidarsi in maniera creativa? seriamente, non ce n’è bisogno, qualcuno cerchi di darle una mano!!! 🙁

    • Susanna Chiesa says:

      Gentilissima GIOVANNA (il cognome per cortesia ?),
      non penso minimamente a suicidarmi e non so da dove possa avrelo dedotto. Mi sembra che la creativa sia SOLO LEI.
      Come’è brutta l’invidia !!!

      • ray_of_light12 says:

        se non sperimentiamo piu’ sugli animali, dobbiamo farlo su uomini? Questo porterebbe a un paio di conseguenze:
        1- un topo puo’ riprodursi fino a 10 volte in un anno (per non parlare di quello di Drosophila o C. elegans), i tempi per la sperimentazione si allungerebbero infinitamente (senza tenere conto delle questioni etiche). Adesso un farmaco ha bisogno di una decina di anni dall’inizio della sperimentazione al momento in cui viene messo in commercio.
        2- Gli animali sacrificati perche’ il farmaco testato risulta tossico diventerebbero persone sacrificate
        Non e’ ancora stato trovato un metodo alternativo alla sperimentazione animale. Adesso verra’ fuori l’obiezione “Ma si possono fare colture cellulari di tessuti umani”. Accetto questa critica, ma voglio almeno una pubblicazione scientifica che sostenga che la sperimentazione in vitro porta gli stessi risultati di quella in vivo. Sicuramente tra gli articoli in Pubmed non sara’ difficile trovarne, visto che tutti gli animalisti ne parlano. Magari sono io stupido e non so trovarne…

  4. Quoto:
    >“Quando tutti gli esseri umani capiranno che >tutti gli animali sono uguali, e di conseguenza >non esisteranno piu’ vivisezione, animali da >allevamento per capi in pelliccia, per >alimentazione e per qualunque genere di >sfruttamento, solo allora la mia lotta e quella >di Freccia 45 sara’ terminata”

    Praticamente non sarò più libero di mangiare una bistecca? Da quali studi sta basando queste affermazioni? Intendo studi provenienti da pubmed o siti simili, il resto ha il valore della fuffa.

    >”per la vivisezione vengono utilizzati >svariati tipi di animali, non solo i Beagles, >e’ nostro desiderio dare una casa, una seconda >opportunita’ di vita anche a questi animali, >che nel mondo umano, non sono considerati da >affezione, da abbracciare e coccolare”
    prima di tutto si dice “Specie”, da una persona che vuol insegnare questo tipo di cose, mi aspetterei una certa preparazione scientifica.
    Poi: dove sono le prove di questo? Ci deve essere sicuramente uno studio, un qualcosa? No?

    Quindi: servono prove, abstract, articoli provenienti da fonti sicure. Se c’è del marcio nella Scienza, ci devono, per forza, esserci studi che vanno contro-corrente, perfino su pubmed, ma non ci sono. Continuiamo a fare del terrorismo psicologico, senza prove?

  5. Edoardo Brescia says:

    Non capisco proprio perchè ti mordano ogni giorno questi ratti. Spero proprio che non ti sia messa in testa di coccolarli per recuparli.

Leave a Reply