Comunicato Stampa

Un altra Vittima della Caccia – MORTO IL BAMBINO DI 12 ANNI FERITO A NUORO

Non esiste tragedia piu’ grande al mondo, di quella di una madre che vede svanire, spegnersi, morire la vita a cui lei ha dato vita!
Questo vale per ogni essere vivente, e vale quindi e soprattutto anche per noi essere umani, laddove la vita strappata alla madre e’ stata a causa di “errore di caccia”.
Andrea Cadinu, di 12 anni, e’ stato colpito alla testa durante una Battuta di Caccia al Cinghiale, in Provincia di Nuoro.
Non mi stanchero’ MAI e portero’ avanti  fino all’ultimo questa lotta a colpi di scritto, contro la Caccia!!!
Violenza inutile, orrenda, mascherata da hobby, da sport, che miete ogni anno Vittime umane oltre che Animali.
E’ un abominio, senza freni quello che stiamo subendo, e come recita un antico proverbio “ci pisciano in testa e dicono che sta piovendo”!
Le testate piu’ importanti nascondono le notizie, quando non vendono pagine a Federcaccia che non perder occasione di vantare la loro vena etica sportiva bla bla… Siamo alla follia!!!!
E’ singolare che per guidare si debba compiere 18 anni e sostenere un difficile esame, e solo dopo avere una regolare  Patente di Guida, da rinnovare nell’arco degli anni con esami della vista, dei riflessi, per poi ad una certa eta’ vedersela togliere.
Ed invece per un Porto d’Armi? Pagare!!! Quanti sono i signori cacciatori che passerebbero un esame della vista?? E quanti i ragazzi che vanno a caccia troppo presto?
Fate voi i conti…..(Davide Cavalieri)

Comunicato Stampa Vittime della Caccia;

17.10 LUCCA Bimbo impallinato al viso nel cortile di casa

17.10 PERUGIA 2 bimbe ferite a casa dal fucile dello zio lasciato carico

20.12 PAVIA 16enne ucciso da amico 17enne durante una battuta di caccia

20.13 BRESCIA 13enne suicida con il fucile da caccia del padre

11.11.2012 NUORO – 12enne morto, dopo il ferimento durante una battuta di caccia.

Questi dati confermano la totale assenza di responsabilità di chi, incurante della pericolosità insita nell’uso delle armi, coinvolge in questa barbara pratica spesso creature innocenti.

Va ricordato a tal proposito che le associazioni venatorie nel 2009 hanno avuto la sfacciataggine di proporre addirittura la caccia a 16 anni, le loro campagne lo dimostrano, come anche i disegni di legge del sen.Orsi e compagnia bella.

Portare minori a caccia è non solo irresponsabile ma anche illegale: per attività venatoria non si intende solo lo sparare ma anche l’aggirarsi in atteggiamento venatorio alla ricerca della preda (comma 3 art.12 legge 157/92), la stessa legge, medesimo articolo, al comma 8 dispone che l’atteggiamento venatorio sia vietato ai minori di 18 anni di età”

Quanto accaduto non può non avere rilievo penale, non può non imporre un totale ripensamento sul piano legislativo e giuridico nei confronti della caccia

” dichiara Daniela Casprini, presidente Associazione Vittime della caccia, che aggiunge “di fare la conta degli incidenti di caccia siamo stanchi e preoccupati del numero sempre crescente di vittime: quando poi a cadere sono dei bambini, allora l’indignazione si fa rabbia!”

E’ tempo di recepire la richiesta di sicurezza perorata dalla stragrande maggioranza di cittadini, è tempo di fermare il massacro di umani e di fauna selvatica… di dire finalmente BASTA ALLA CACCIA” conclude la Casprini.

Proprio per questo l’Associazione Vittime della caccia si avvia ad una importante iniziativa coinvolgendo il mondo associativo e la società civile per fermare le doppiette, a dispetto di quei politici che pensano di puntare ad essere eletti ancora una volta grazie al voto dei cacciatori.

A tal proposito si invita a leggere sul sito dell’Associazione la sezione OPTA – Osservatorio Politico Trasversale Anticaccia, divisa in due categotrie:

SE LI CONOSCI LI EVITI e SE LI CONOSCI LI SEGUI

Ufficio Stampa Associazione Vittime della caccia –

ass.vittime.caccia@gmail.com

Tags: , , , , , , , , ,

Leave a Reply