Radio

Estate, leggendo!

Io, davvero non vedo l’ora di allungare le gambe al fresco ed aprire uno dei tanti libri che ho lasciato in giro per casa. Ogni tanto Lilith (la mia gatta) ci passa a fianco, li snobba, ma rigira attorno, quasi come per dire “Sei disordinato, continui a lasciare in giro per casa questi cosi…che preferisci alle mie fusa”. Infatti appena apriro’ uno “dei cosi'” Lilith mi saltera’ in braccio con fare lascivo, tentando di sedurmi, mi mordicchiera’ il mento chiedendomi di gettare a terra il libro e abbandonarmi a lei….Quindi mediero’, coccole e lettura. Anche a Lorenza Sala di Mursia, pare non sia andata meglio…stando al primo libro che ci consiglia di leggere  “Il Cane Educato” di Roberto Franceschetti, che mettendo in discussione le vecchie metodologie di addestramento, dimostra che esistono metodi più moderni e gentili per educare un cane, smentendo molte credenze popolari inesatte, l’autore fornisce utili consigli per non commettere grossolani errori di comunicazione con il vostro cane.
Non vi interessa l’educazione??? Allora un bel romanzo: “Il cuore al guinzaglio” di Alberto Angelucci, e’ una storia di tutti i giorni questa forse, ma proprio come le cose piu’ semplici e’ una storia vera e fara’ riflettere anche il cuore piu’ duro.” C’era una volta un uomo burbero che viveva in una città di mare, lavorava, tornava a casa, andava in barca d’estate. Si occupava dei fatti suoi e non era né felice né infelice. E non conosceva i cani, che vedeva per le strade come un albero o un lampione.
Un giorno s’imbatte in un cucciolo di segugio nero dalle orecchie pendule e dal carattere vivace. Comincia così una storia di incontro e scontro tra mondi e modi di essere diversi. I due finiranno per addomesticarsi l’un l’altro fino a diventare inseparabili, uniti per sempre da un invisibile guinzaglio d’amore. A raccontare la storia di questa amicizia è lui, il cucciolo maldestro e ingenuo, che giorno dopo giorno impara a muoversi nel mondo stravagante dei bipedi e a leggere nel cuore dell’uomo.”
Allora io riprendo in mano il mio “Zanna Bianca” di Jack London,  garzone, strillone di giornale, sguattero, contrabbandiere , operaio…pur avendo frequentato a malapena le elementari, diede sfogo all’esuberanza di temperamento e di vita con quei suoi libri che gli diedero fama immensa. Scrisse oltre un centinaio di novelle e un gran numero di romanzi.
Zanna Bianca, il seguito de  Il richiamo della foresta, e’ un regalo di una nuova amica di Radiobau&co. Elisabetta Mirra, che da Settembre iniziera’ una nuova rubrica, che parla di gente che ama altri animali….volete sapere come si chiamera’ la nuova rubrica???? Pensateci leggendo qualcosa di bello!!!!

Tags: , , , , , , , , , ,

One Comment

  1. Angelo Paratico says:

    I consigli di LOrenza Sala sono sempre ottimi, io li seguo senza discutere. Buone vacanze e soprattutto buone letture! Angelo

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>